in

Quaderracconti

Realtà frammentate si mescolano in storie oniriche. Questi embrioni di fumetto includono testi tratti da libri, pensieri, voci ascoltate, fantasie, studi e sfoghi. Li ho creati in momenti diversi e travagliati: tra i McDonald di Roma e Barcellona. Il formato quaderno l’ho usato per onestà e ne è andato a scapito della forma. L’onestà di dire a me stesso che creo per dar voce a qualcosa e non per esporla.


Sfoglia i volumi:


Il primo è intriso di passione che cercavo di combattere rifugiandomi in questo mondo fantastico.
M di Muscolo, il secondo, è la storia distopica di una tribù ribelle che cerca di recuperare il controllo. Questa tribù è chiamata “gli scheletri” e i dominatori sono “i muscoli”. Lo scheletro è duro, deciso e antichissimo a dispetto del muscolo che nasce e muore, è debole e ha vita corta. Il muscolo è anche l’emozione e in questo racconto viene usata come arma di controllo.

Il terzo è una raccolta non omogenea, una storia ancora da formarsi in cui sono presenti molte ragazze e un uomo che si fa chiamara “il presidente dei Captalisti”, una versione patafisica del capitalista. Tutti e tre i lavori sono in fase di colorazione.

Scaricali:


Aggiornamento 7 Maggio 2019 – Martina Franca:

Racconfogli

I quaderraconti sono fumetti che abbracciano la realtà. Si parte dal continuo lavoro su carta fino ad integrare gli elementi reali. L’opposto lo chiamerei Racconfogli: racconti di realtà che finiscono nel sogno. Generalizzando le due cose si equivalgono ma con una sfumatura diversa.

In questi giorni (maggio 2019) dopo aver quasi decretato ufficialmente la fine del progetto “Case Abbandonate” mi sono nuovamente sentito attratto dall’onirico, dall’antidigitale, dal fisico, dal materico e quindi dalla carta. A differenza delle altre volte vorrei integrare digitale e cartaceo, relazioni virtuali e vita materiale perciò ho creato una continuazione del progetto sulle case abbandonate ma integrando i disegni. Spero possa nascere una playlist di video che – come secondo effetto benefico – potranno rimettere in luce l’idea dei quaderracconti che insieme ai diari d’artista sono il nucleo centrale del mio immaginare e della fusione tra fantasia e realtà. O meglio: dell’indagine sul fantastico e sull’ipotesi di una sua utilità o inutilità.

Qui di seguito inserirò la Playlist di video.

Scritto da Amerigo Mancini

Il mio lavoro è una ricerca che va avanti da almeno vent’anni. Ho frequenti sbalzi di umore. Sono stato rincoglionito per molti anni. Anche tu lo sei stato. Forse lo sei ancora. Sputo su chi mi sta antipatico. Chi ha segreti verrà pubblicamente sputtanato.

La Città ed i suoi luoghi (da StreetMame)

Casa Surrealista