1 Maggio 2019 – Sono qui a parlarti della mia decennale ricerca e dei miei sudatissimi punti di ancoraggio. Voglio che tu sappia che non mi rivolgo a tutti ma solo a chi per diverse ragioni si trova senza energia o privo di punti d’appoggio e certezze. Bisogna distruggere il politically Correct, svelare le menzogne del pensiero debole e recuperare i limiti umani. La magia, il sogno e l’arte sono armi pericolosissime e simultaneamente troppo potenti da agire in un contesto di frammentazione come quello del 2020. Parlerò di tutte le mie scoperte citando il lavoro di pensatori, amici e colleghi. Questa sezione crescerà piano piano. Le teorie sono tutte corroborate da prove, esperienze..

Teorie Morbide:

ListaAnalgrammiJodorowskyTecniciDizionariettoSoliloqui

Corso di Analisi dell’iper pensiero. Vengono usati alcuni prodotti artistici per osservare in azione i processi mentali di decostruzione e riassemblamento atti alla creazione di senso. Il minimo comune denominatore è l’uso di schemi disegnati live con una tavoletta grafica.

Sono sempre stato attratto dalle biografie. Come tutti gli schiavi umani ho imparato a venerare figure mitologiche fuori di me e donare a loro la mia energia, privandomene. Nel cammino di congedo da questa fraudolenta pratica nera inventata da stregoni globali molto antichi, mi sono scontrato con diversi personaggi. Mi capitò di fare una lista: James Brown, Keith Jarrett, Jan Svankmajer ma piu di tutti Jodorowsky e finalmente – ultimo di tutti – Jan Fabre. Tutti personaggi detestabili da studiare per vaccinarsi e da cui estrarre tecniche da usare ai propri fini. Qui parlerò delle tecniche di Jodorowsky.

Ripercorrere il filo di creazioni di Jodopopsky è un buono strumento per mettere in fila teorie e pratiche che una mente comune tende a separare. Tarocchi, video editing, montaggio, sceneggiatura, magia, filosofia, religione, disegni.

Il processo creativo e tecnico dietro la realizzazione del film Milano.

Ogni termine sarà corredato da descrizione:

  • Interfluttuazione
  • Detastierizzazione Leonica
  • Quaderracconto
  • Racconfoglio
  • Cacoenergetica dissonante
  • Bioattualità
  • Patafisica Amerighiana
  • Gostbusterizzazione
  • Complottismo Post-Junghiano
  • Morte dell’Archetipo

Loading . . .

Teorie del “Complotto”:

PanoramicaMarsel MingaRe:StreetMame 2.0MameSoluzione

Essendo stato per anni vittima inconsapevole della propaganda femminista, sono sempre stato un polemico. Odiavo le strutture e le regole. I miei contenuti sono spesso riflessioni critiche contro la società. Da qualche hanno ho scoperto il lavoro di Marsel Minga. Nato e vissuto in Albania durante il comunismo è avvezzo ai metodi di propaganda e alla censura della dittatura. Arrivato in Italia ha visto quelle stesse tecniche di controllo agite su di noi. Ma con uno stile diverso. Oggi la propaganda la chiamiamo intrattenimento, tv, internet, film. L’Albanese resta un carattere schietto, poco avvezzo alla fantasia, pragmatico. Misurarmi con Marsel è dura dal momento che sono abituato a tacere le mie opinioni, evitare i contrasti, fuggire o ignorare un problema. Il mio è un comportamento appreso dal femminismo. Una delle migliaia di vittime del Politically Correct. Confrontarmi e scontrarmi con Marsel mi permette con duro sforzo, di recuperare contatto con la razionalità, la realtà, il concreto. Di recuperare il controllo di un ego confuso e rammollito.

Video eloquenti. Guardali qui o sulla sua pagina.

Dopo aver visto i video di Marsel, possiamo cominciare a fare alcune riflessioni. Le teorie complottiste denunciano una realtà nascosta. Questa denuncia genera inevitabilmente paura. La paura crea rabbia e la rabbia è utilissima SOLO SE agita nell’arco di 10 o 20 secondi. Molti complottisti sparano a vuoto e chi ascolta queste verità si trova cucinato nella sua paura senza poter agire. L’antidoto è lavorare su bersagli specifici, realtà concrete, smettendo di colpire il solito “They” generico. Questa è solo una delle riflessioni che faccio dopo aver guardato un video di Marsel.

Nel 2016 iniziò una collaborazione con il videmaker Marsel Minga. Principalmente mi lasciava libero di esprimermi in strada, con i miei amici, inventavo interfluttuazioni. Poi lui montava il risultato cercando di veicolare il suo messaggio. A quel tempo non mi era chiaro è un messaggio semplice: il mondo è una gabbia, chi conosce la posizione delle sbarre ha qualche chance di salvarsi. Nel 2019 ho ripreso la collaborazione mettendomi al servizio del suo messaggio pur restandone parzialmente distaccato. Ma la storia comincia nel 2016…

Prima Serie

Nel 2015 Marsel faceva il tipografo. Nella sua azienda un collega morì a causa della scadenti condizioni di sicurezza. Il padrone cercava di risparmiare e mettere sotto torchio gli operai. Al tempo raccoglievo ogni sorta di contenuto da chiunque avesse voluto condividerlo con me. Montai sul mio canale un’appuntamento quotidiano con Marsel. Lo chiamammo Mame: MArsel + aME. Perchè non AMME ? L’ordine degli addendi mi ha sempre aiutato a staccarmi dal bisogno di dominare e sono stato costretto ad ascolare. Guarda le serie di Mame sul mio canale YouTube.

Seconda Serie (2017)

Loading . . .

 

Libri:

Ho scritto molto. Flussi di coscienza e teorie periodicamente superate. Di bugia in bugia sono pian piano giunto alla verità. I miei scritti rappresentano verità transitorie che possono essere utili da monito a non ripetere i miei errori. Trappole programmate dall’alto. Approfondirò in articoli e pubblicherò qui i pdf.